La terrazza del sole

Pagina bianca, a righe.
Non so perchè, ma mi va così.
Avete mai provato quella rara sensazione che vi spinge ad agire seguendo qualcosa che vi ha sfiorato la mente per un solo attimo?
E cambiare strada d’improvviso, risalire scale di cui non siete certi, prendere un ascensore con vista e giungere su quel terrazzo soleggiato. Vi è mai capitato qualcosa di simile?
Certe volte, credo si debba seguire quel flusso rapido di pensieri, e soddisfare la necessità di assoluta insensatezza che ci suggerisce la mente.
E scrivo perchè non ho nulla da leggere, altrimenti starei distesa su questa scomoda panchina, con un libro sospeso sulla mia testa, invece che seduta con le gambe incrociate e con un blocco di fogli sopra.
Ma non mi viene da scrivere su ciò che è successo in quest’ultimo periodo, non ho scritto di ciò da nessuna parte…
Ecco, le solite nuvole dispettose che si piazzano davanti al sole…continuo a guardare le scale aspettando qualcuno che so che non verrà…il sole si scopre poco a poco ma non basta, e andrò via non appena sentirò freddo. Mi sento anche terribilmente patetica, non voglio essere romantica a tutti i costi, anche se così potrebbe sembrare.

Mi ricordo che avevo delle cose da fare, ma niente è più importante della mia libertà, di un momento solo mio, di un tempo che posso fermare e in quel periodo fare ciò che mi va.
Come adesso mi va di stare qua a non fare alcunché di produttivo, o magari anche questo flusso di pensieri servirà a qualcosa.

E poi questo è come un luogo magico, da questo posto è cambiata la mia vita, da questo vecchio terrazzo pieno di piante e lampioni e panchine e muretti con turisti e una vista sulla mia piccola parte di mondo.
Mi manca ogni tanto, e per questo ci torno volentieri, e ogni volta mi riporta a qualche mese fa, quando ancora lo guardavo con occhi completamente diversi da ora, quando ho iniziato a percepire da quì quel cambiamento di cui avevo bisogno.

"Ease my mind"…

Come può un muro far commuovere? Quella parete ha fatto da sfondo alla più grande svolta nella mia vita, ma sto diventando ridondante…
Dico solo che è vero che siamo noi a investire gli oggetti di un valore. Acquisiscono valore nel momento in cui noi vogliamo che siano importanti, ma spesso non dipende da noi: le cose semplicemente accadono e non si può poi separare l’oggetto dalla sua storia e dal suo significato.
Perciò è inevitabile che ogni volta che venga quì mi volti verso i punti dove si sono svolti tali memorabili fatti durante quei giorni di pieno sole, e che resti ad osservare qua e là per un pò mentre mi dirigo verso la panchina.

Da quì è partito il mio nuovo mondo, ed è quì che mi sento bene, che trovo pace… "give me all the peace and joy in your mind", riesco ad allontanarmi da qualsiasi cosa mi turbi. Questo luogo mi libera e in un certo senso rigenera la mia mente…
Mmmh…inizia a esserci troppo freddo…vado via, ma tornerò quando ci sarà di nuovo sole.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...